Un tempo sicuramente meno nota ai turisti, oggi tappa immancabile se vi vuole vivere il Carso nella sua genuinità.

Tradizione a tavola

L’Osmiza è un luogo della tradizione carsica, non un’osteria o un agriturismo, ma una casa privata che fin dai tempi dell’Impero austro-ungarico apre agli avventori per un periodo limitato per vendere i propri prodotti: salumi caserecci e formaggi di latteria, preparati secondo la tradizione tramandata da generazione in generazione e accompagnati da vino bianco o rosso, uova e magari verdure dell’orto sott’olio.

Ma l’Osmiza è anche lo stare assieme, in corti arredate in modo spartano con tavole e panche di legno , con il Carso alle spalle e magari   il mare sullo sfondo.

Troverai tavolate che intonano canti con la chitarra, bambini che corrono, vecchi che giocano a carte e qualcuno che si rilassa dopo una lunga camminata. È un luogo di comunità.

osmiza aperta trieste

La frasca: dove e quando andare in osmiza

Puoi vivere questa esperienza per tutto l’anno: ogni osmiza apre in periodi determinati ma ne troverai sempre almeno una aperta.  La primavera e l’autunno sono però i periodi migliori perché puoi stare all’aperto magari dopo una bella gita alla scoperta della natura carsica.

Le osmize sono disseminate in tutto il Carso e qualcuna si trova anche nelle zone più periferiche della città. Trovarle è facile: sono segnalate con i fraschi, cespi di edera attaccata ad una freccia di legno che indica il percorso fino a raggiungere quello fuori il portone. Se invece preferisci un metodo più contemporaneo, puoi fare affidamento al portale dedicato.